#ljfff | Tra i Winners 2014: l’humour di Ace Norton

Mentre a Cannes il Festival del Cinema 2015 scorre beato in questi giorni, a San Diego La Jolla International Fashion Film Festival ultima i preparativi per la sua 6a edizione (24-25 luglio). Con una fondamentale differenza: se nella kermesse francese la moda si muove liquida tra Red Carpet e costumi di scena, a Jolla si solidifica nell’oggetto e nel soggetto della storia. O meglio, delle storie, quelle narrate e proiettate lungo il corso dell’evento.

the-purgatory-of-monotony2

A segnare il punto di fusione tra moda e cinema è la lunga lista di premi in palio: Best Picture, Best Actress, Best Actor, Best Creative Concept, Best Cinematography, Best Fashion, Best Visual Effects, Best Editing, Best Message, Best Art Direction, Best Hairstyling, Best Make Up, Best Director, Best Costume Design. Una differenziazione altamente specifica che testimonia la specificità delle professioni tanto nel fashion system quanto nell’industria cinematografica.

the-purgatory-of-monotony1

Sul sito ufficiale www.jfff.com si possono scorrere i Winners 2014 per ogni categoria, dove una menzione speciale va a “The Purgatory of Monotony” del californiano Ace Norton, divertente campagna autunno-inverno per il brand RHIÉ – premiata come Best Concept e Best Actress non solo all’ultimo #Jfff, ma anche ai Fashion Film Festival di Milano e Berlino.

In un climax di azioni nonsense interpretate da Sonja Kinski e che noi tutti, almeno una volta, avremmo voluto compiere segretamente (Chi non ha mai provato a spostare un bicchiere con la forza del pensiero? A seccare il Vinavil sui palmi delle mani? A mettere la testa dentro un vaso? A risucchiarsi i capelli con l’aspirapolvere?), spuntano citazioni altre, come maschere di bellezza in stile Irving Penn (Extreme Beauty, Gennaio 1996, Vogue).

Ace Norton sembra allora presentarsi come un abile film maker, tecnico dello straniamento, dell’humour e del bizzarro – nonostante l’ambiente sia quello domestico e, appunto per questo, forse più facile da sovvertire.

the-purgatory-of-monotony

Ambiente che ritroviamo nella nuova campagna A/I 2015 di RHIÉ “The New Sovereignty” dove il regista, oltre a siglare una duratura collaborazione con il marchio americano (rhiestudio.com), rende riconoscibile il suo segno stilistico attraverso un ritmo di immagini ben curate, capaci di farti pensare a Wes Anderson anche quando non dovresti pensarlo (sarà colpa dell’onnipresente apparizione di un accessorio candy candy?).

In più, la trama del nuovo corto – accompagnata da un musicale ‘allegro con brio’ – richiama perfettamente l’ultimo editoriale di Enquire dedicato al potere femminile: “The New Sovereignty” inverte la concezione di genere nell’idea comune di servitù, ovvero trasformando l’uomo in geisha o addestrandolo come un cagnolino, un palestrato tuttofare pronto a soddisfare i desideri di una donna ricca e pretenziosa.

the-purgatory-of-monotony_corridoio

Per scoprirne di più sui lavori di Ace Norton potete visitare il suo sito ufficiale www.acenorton.com. Enquire, nel frattempo, vi promette numerosi aggiornamenti dedicati ai nomi – vecchi e nuovi – di La Jolla International Fashion Film Festival. Stay tuned!