Raccontando i talenti | TINTAGEL

Lassù sulle montagne, tra i boschi e i prati verdi, una giovane donna è stanca di raccogliere i mazzolin di fiori. Ha voglia di poesia, di vento tra i capelli e di un tuffo nel grande lago, il lago dalle acque magiche, per vivere una di quelle avventure che le piace leggere nei libri. Così, sfilandosi via il fazzoletto bon-ton, inizia il suo viaggio, pronta a scalare ripide rubi, a graffiarsi di rocce e rami. Unica direzione: Tintagel.

tintagel_vogue_italia4

A documentare il fatato cammino della giovane donna, abbigliata come un moderno cappuccetto orientale, ci ha pensato il fotografo e film-maker viennese Andreas Waldschuetz, classe 1976. Abituato a vivere tra le colline di Hollywood e San Francisco, dove negli anni 2000 si avvicina alla cinematografia realizzando video musicali, nel suo ultimo fashion film “Tintagel” utilizza ancora una volta un paesaggio montuoso, ma lo colora di leggenda, di rimandi fantascientifici, di folkrore contemporaneo, seppur la dimensione spazio-temporale sembri scorrere sul filo dell’indefinito.

In 2.55 minuti, la giovane donna muore e rinasce. Probabilmente muore d’amore, distesa sulla tomba del suo cavaliere, abbracciata dalle mura di un cimitero futuristico: una fredda croce a segnare la tappa del suo viaggio. Ma poi rinasce, oltrepassa le pareti di fragorose cascate, raccoglie chioma e respiro su una zattera, cullata da uno specchio d’acqua, dove l’unica bussola è un campanile riemerso a metà.

tintagel_vogue_italia1

Il mondo onirico dell’artista, in questa occasione supportato dalla direzione creativa dalla regista e stylist Adia Trischler, non potrebbe prendere forma senza l’utilizzo di sofisticati software, senza uno spiccato senso estetico e senza possedere un innovativo virtual power.

tintagel_vogue_italia_2

Un fashion film nato per raccontare alcuni dei designer emergenti più interessanti secondo l’autorevole Vogue Italia: Satu Maaranien (di cui abbiamo già parlato qui), Hampus Berggren, Nora RenaudCorrie NielsenAnbasja Blanken, Holly PenfoldDamien Fredriksen RavnSadie Williams.

tintagel_vogue-italia_5

“Andreas Waldschuetz è un mago dell’arte visuale, incentrata soprattutto su lavori concettuali, combinazioni di media analogici e digitali come fotogrammi e video; la sua missione è quella di condurre le sue produzioni oltre a concetto di bell’immagine e di creare una narrazione visiva totalmente ipnotica”. Tintagel, obiettivo raggiunto.