Una Väska di borse tra Helnsiki e Barcellona

Handmade, timeless, artigianalità, sostenibilità, unicità, qualità, innovazione: tutti quei bei concettoni che fanno subito intelligent fashion oggi li ritroviamo concentrati in una stessa Väska. Al posto delle saponette, borse. Al posto delle bolle, pelle.

vaska_bag_0L’ha deciso Ann-Sofi Storbacka, designer di accessori laureata presso l’Escola Superior de Disseny Felicidad Duce (Barcellona), che quest’anno si è ritrovata tra i vicintori di The Future of Fashion, il programma di sostegno per talenti emergenti che WHO’S NEXT e NOT JUST A LABEL conducono dal 2013.

vaska_bag_1

Dalla tagline del sito ufficiale “Minimalistic Luxury Leather Bags | Barcelona – Helsinki” capire la tipopologia di prodotto proposta da Väska non è così difficile. Il nome del brand è difatti la traduzione svedese dell’internazionale “bag” in modo da ricordare le origini della stessa designer e da rispecchiare le influenze nordiche che ricadono sulle sue creazioni. Fin dalla collezione di debutto Valo, lanciata per l’autunno-inverno 2012/13, l’imperativo stilistico non è mutato: linee pulite, colori neutri, comfort.

vaska_bag_2

E non è mutata nemmeno la mission del marchio che vuole raggiungere una soglia di originalità facendo leva sulla manualità tradizionale. Ogni borsa si dimostra pertanto unica, realizzata a mano con l’obiettivo di ridurre le impunture ai minimi termini e di ottenere così un risultato da definirsi sostenibile o, se preferite, eco-fashion.

vaska_bag_3

L’ultima serie di accessori si chiama Aura, non come la cantante, ma piuttosto da intendere come brezza, vento lieve, perché delicato e gentile è il suo design. Attraverso l’utilizzo di risorse locali ed esclusive tecniche di lavorazione, il desiderio di Ann-Sofi Storbacka rimane quello di reinventare il concetto di luxury.

vaska_bag_4

Questa volta lo fa scegliendo di introdurre il nabuk, un pellame dalla texture morbida e vellutata che ha privato di cuciture e rifinito con un’allacciatura in ottone. La silhouette geometrica e super-easy trasforma così  l’Aura bag in una bella scatoletta da passeggio, in una cartella casual ma elegante, in uno scrigno minamilista in grado di contenere tutte le tue idee. Anche quelle più sofisticate.