Le multi-dimensioni di Alan Taylor

Una volta c’era il doppiopetto. Ora ci sono le giacche di Alan Taylor, dove il senso del doppio ritorna, ma senza nulla a che vedere con l’abbottonatura classica: è un doppio in movimento, è uno sdoppiamento in divenire, una duplicità resa ancor più nitida grazie alla complicità di materiali ben distinti, da un lato pregiati, dall’altro tecnici.

alantaylor_1

Nella collezione FW2013 del giovane designer troveremo allora giacche formali dall’aspetto double-face, poiché ognuna sembra davvero conservare gli avanzi della propria ombra, cucita addosso come uno scudo sottile, come un calco di sé. Un’ombra scandagliata a laser, rossa, ad esprimere la presenza di un ego forte e poliedrico: il nostro.

alantaylor_2

alantaylor_3

Alan Taylor è un ragazzo irlandese, laureato al National College of Art and Design di Dublino, la cui passione per la moda scoppia a posteriori, quando per tre anni consecutivi si ritrova protetto dalle ali di Simone Rocha: un’esperienza formativa che gli ha permesso di lasciare il segno fin dal debutto del suo brand personale.

alantaylor_4

Da oltre due stagioni, infatti, colpisce per la sua spontaneità innata nel togliere rigidità e rigore al menswear più tradizionale, svecchiandolo e attualizzandolo con nuovi esempi di dinamismo maschile.

Tale a un artigiano postmoderno, dotato di forbici invisibili, taglia un cappotto quasi fosse un frac, trasformandone le linee e creando diversi livelli di lunghezza.

alantaylor_7

L’orlo dei pantaloni sfiora la caviglia, il calzino è rigorosamente nero, il gessato è sostituito da eleganti tweed grigi. Si gioca di maniche, dove gli assi sono in realtà ferite aperte all’altezza dei gomiti. E si procede per asimmetrie, in un alternanza ultra-dimensionale, fatta di alti e poi di bassi, di lungo e poi di corto, ma soprattutto, fatta di nuovo.

alantaylor_5
alantaylor_6

Alan Tylor è novità allo stato puro, riscontrabile visitando il suo sito ufficiale www.alantaylordesign.co.uk, nonché dimostrabile nel suo successo di domani. Cappelli abbinati a parte.