#TLBJ – THE LITTLE BLACK JACKET

La parola Chanel riporta nell’immaginario immediatamente a tre concetti: Chanel no.5 (il profumo), La Chanel (la famosissima borsa di pelle con la tracolla in catena) e Lo Chanel (il tailleur in tweed inventato dalla stilista).

little_black_jacket_2

Se il primo è stato reso famoso da frasi come “What do I wear in bed? Why, Chanel no.5, of course” (Marilyn Monroe, n.d.r.) e la seconda rappresenta oggi uno status symbol quasi al pari della Birkin di Hermès (sarà l’inconfondibile lavorazione matelasse o il nome – 2.55, dal mese e l’anno in cui venne creata), del terzo pochi sanno che a renderlo davvero iconico è stata la giacca, prima e unica nel suo genere per costruzione, manifattura e vestibilità.

little_black_jacket_1

A Milano, per quasi tutto il mese di Aprile, una mostra fotografica ha celebrato questo incredibile capo d’abbigliamento: THE LITTLE BLACK JACKET è il racconto di Karl Lagerfeld e Carine Roitfeld della giacca più famosa e copiata del XX secolo, fatto attraverso i ritratti e le interpretazioni di celebrities internazionali – da Sarah Jessica Parker a Yoko Ono, da Riccardo Tisci a Roberto Bolle.

little_black_jacket_3

La giacca Chanel viene creata da Mademoiselle Coco nel 1954: conclusosi da poco il decennio ’40, con i suoi bustini e le sue vite strizzate, la stilista sente forte il bisogno di regalare alla donna quanta più libertà di movimento possibile. È così che nasce questo giacchino: strutturato ma senza fodera né spalline, dal sapore maschile – si ispira alle giacche da uomo austriache, con i suoi taschini sul davanti, studiati per metterci tranquillamente le mani dentro, in un gesto di assoluta non chalance e self-confidence.

little_black_jacket_5

Il tessuto – tweed, amatissimo da Mademoiselle Coco, i bottoni – gioiello, raffiguranti un leone, una camelia o semplicemente le due “C” del marchio, le rifiniture sul davanti e le tasche – bordini ton sur ton o in contrasto, la catenella interna – che conferisce peso alla giacca e garantisce una perfetta vestibilità: tutto ha contribuito a rendere questo capo uno dei protagonisti indiscussi della storia della moda.

little_black_jacket_6

Karl Lagerfeld le rende omaggio ad ogni collezione, stagione dopo stagione, dal 1983: colorandola, abbinandola ora alla gonna, ora al denim, più corta, più lunga – non importa. La mostra itinerante THE LITTLE BLACK JACKET è l’ennesimo “ringraziamento” a Mademoiselle Coco e alla sua creatività. Oltre ai ritratti esposti già a Tokyo, New York, Taipei, Hong Kong, Londra, Mosca, Sidney, Parigi, Berlino e Seoul (la mostra è “in viaggio” da un anno), a Milano sono state protagoniste anche delle stampe cotte su vetro, presentate in una sezione dedicata – Karl Lagerfeld Fire Engraving. Prossima tappa: Dubai, il 27 aprile 2013.

Se non siete riusciti ad andare alla mostra ma siete ugualmente curiosi di vederla, recuperate con un tour virtuale sul sito www.thelittleblackjacket.chanel.com

little_black_jacket_7

Questo articolo fa parte del progetto fotoblog di Fotosociality promosso da Samsung Italia, in cui i più influenti blog e webzine d’Italia racconteranno il loro mondo attraverso articoli ed immagini scattate con la nuova Galaxy Camera.