Vinyl Shop: Eildentroeilfuorieilbox84

Artist: Eildentroeilfuorieilbox84.
Title: La fine del potere.
Year: April 18, 2012.
Where: Rome.
Shelf: Indie, Pop, Lo-fi.

Who?

“La  famosa etichetta” Trovarobato non sbaglia un colpo.  Potendo vantare nel proprio roster gente come Iosonouncane, Everybody Tesla e Boxeur The Coeur, ora ci presenta una nuova scommessa, sulla quale anche noi di Enquire siamo pronti a puntare. Gli Eildentroeilfuorieilbox84, nome complicato che nasconde un’altrettanto complessa offerta musicale, che spazia dall’indie pop – ma senza cadere nei soliti cliché – al cantautorato nostrano, anche qui con una dose massiccia di anti-referenzialità. Il trio, composto da  Giuseppe Maulucci, Giorgio Rampone e Lorenzo Lemme, nasce e cresce a nella capitale italiana, tra le “strade” dell’underground romano che circondano – scusate il bisticcio di parole – il Circolo degli Artisti. Benché si tratti di una formazione “giovane” (il loro primo album, Obecalp, disponibile sotto licenza Creative Commons, risale al 2005), gli Eildentroeilfuorieilbox84 hanno un curriculum di tutto rispetto con un’esperienza live robusta. Non solo hanno condiviso il palco con artisti di fama nazionale (Paolo Benvegnù, Tre Allegri Ragazzi Morti, Bud Spencer Blues Explosion, The Niro, per citarne alcuni), ma hanno già collezionato diversi riconoscimenti da parte di critico e pubblico.

What?

Oggi esce finalmente il loro nuovo lavoro, La fine del potere, un titolo allusivo che in Italia trova un suo perché giorno dopo giorno. Non stupisce che il gruppo abbia deciso di raccontare il disco su YouTube con una serie di trailer incentrati sulle condizioni del Paese, dalla sanità al sistema finanziario. C’è un’utopia di fondo, sempre la stessa che va dalle lotte operaie a quelle per i diritti civili, che però in questo disco viene rielaborata e riproposta in una chiave paradossalmente meno “illusoria”. Cosa sono i soldi, le regole, il potere? Basterebbe una semplice e comune mossa: dimettersi. Le dimissioni di cui parlano gli Eildentroeilfuorieilbox84 sono dimissioni universali, che trascendono il ruolo e la posizione sociale. Si tratta, come i tre cantano nella title-track, di sedersi tutti insieme e cominciare ad “ascoltare” ciò che il prossimo ha da dirci, senza sottovalutare questo verbo, cardine della Comunicazione con la C maiuscola. Il resto del disco non ve lo raccontiamo, perché dovete essere voi a lasciarvi trasportare senza condizionamenti esterni. Noi ci limitiamo ad esprimere il nostro consenso. Chi si ama, ci segua.