Il concreto minimalismo di LaborLimae

Italians do it better. Nonostante la crisi economica e il tanto discusso superamento del concetto di made in Italy, ci sono comunque molti stilisti emergenti che portano alto il nome del nostro paese.

LaborLimae nasce a Roma, risultato degli sforzi creativi e manageriali del duo Angela Rago e Manuela Ferilli. Mentre la prima, fashion designer nel vero senso del termine, cerca da sempre il modo migliore per concretizzare il fiume di idee e ispirazioni che la percorrono, la seconda le mette in pratica occupandosi della direzione del marchio a 360°. Per LaborLimae fare moda significa raccontare una storia, tutta da vivere ed indossare.

Peculiarità del marchio sono senza dubbio l’ispirazione presa dalla realtà, per una moda concreta e mai trasognata o concettuale. Abiti definiti in modo semplice ma meticoloso, per una cura del dettaglio estrema, una pulizia formale resa attraverso outfit piuttosto minimal mai scialbi o noiosi.

Tutto ciò si traduce in realtà se si guarda alla collezione P/E 2012, chiamata Dolores, lo shooting ci racconta di una donna intraprendente, capace di affrontare la quotidianità senza mai tralasciare fascino ed una sensualità sussurrata. Le trasparenze infatti, audaci ma raffinate, sono quasi una costante, come pure il taglio geometrico. Anche la lunghezza ha una parte da protagonista: quasi mai sopra il ginocchio, evocano una pasionalità indiscussa e coraggiosa.

I colori vanno dal blu notte al beige e dal bianco all’acceso corallo. Per quel che riguarda i tessuti, il gioco si svolge nella contrapposizione tra materiali leggeri, come seta e voile, e forti fra tutti il denim e la viscosa. Notevole è, in questo senso, la capacità della designer di accostare in modo sapiente tali differenti tipi di tessuti, ottenendo un risultato davvero chic.

LaborLimae quindi è sintesi fra passato e futuro, che se da una parte recupera tonalità e materiali classici, dall’altra li modula giocando con tagli e volumi. Per qualsiasi info o per acquistare il vostro personale LaborLimae, andate su www.laborlimae.eu. Vedere per credere.