Natsumi Zama: le vite segrete dei tessuti

En

I tessuti hanno una loro vita segreta, misteriosa, sfaccettata. Si fanno plasmare dalle mani sapienti dei sarti e lasciano che l’immaginazione dei designer giochi con loro, rendendosi complici delle più arzigogolate fantasie. Inermi pezzi di stoffa sanno trasformarsi in preziose magie vestendo immaginari sempre diversi, seguendo idee e creando sogni.

Natsumi Zama ha colto la loro anima più nascosta e ha scelto di raccontarla tramite una sperimentazione piuttosto interessante che si muove in un percorso fatto di dimensioni e movimenti inaspettati.

L’idea della designer giapponese, vincitrice dell’Asos Ltd100 nel 2009 e laureata alla University of the Arts di Londra è quella di svelare la multidimensionalità dei tessuti mostrando come i volumi di un abito possano mutare seguendo le forme del corpo umano. La sua ispirazione proviene dall’antica tradizione nipponica del kimono, un indumento tipico che si definisce solo nel momento in cui viene indossato.

Il lato più affascinante del pensiero di Natsumi Zama è proprio quello del pensare ad abiti che prendono vita solo una volta a contatto con il corpo e che non siano strutturati e piatti, ma dinamici e vitali. Usa colori neutri, morbidi, per lasciare tutto lo spazio necessario alla costruzione del senso di movimento che vuole trasmettere tramite l’articolazione dei tessuti.

Mini abiti apparentemente statici nascondono in realtà una seconda vita, giocando su un senso di tridimensionalità e perenne trasformazione. Pantaloni dal severo taglio maschile svelano retroscena di stoffa che si definiscono di volta in volta e che rendono ogni singola creazione una sinfonia di dinamicità, orchestrata con magistrale sapienza sartoriale. Non ci sono eccessi, né difficoltà d’uso, ma solo una piacevole architettura di forme che si presta ad ogni trasformazione possibile ed immaginabile.

Natsumi Zama riesce a spiegare tramite le sue creazioni come in realtà la moda sia sempre e comunque dipendente dall’utilizzo che se ne fa e come un abito venga in essere solo nel momento in cui viene indossato, fondendosi col corpo e lasciando che siano la fantasia e la necessità del momento a deciderne il destino.

Il sito www.natsumizama.com