Interchangeably wardrobe by J. W. Anderson

Parità di sesso, un concetto studiato e rappresentato un po’ in tutti i settori, la moda stessa ha proposto e continua a proporre, diverse varianti. Ma quando chi crea una linea d’abiti la definisce “perfettamente interscambiabile” la curiosità non può che essere grande.

Stiamo parlando di Jonathan William Anderson, designer irlandese emigrato negli States per studiare recitazione all’Actors Studio, passione questa, che si è trasformata in un forte, intenso interesse per gli abiti di scena e di conseguenza per la moda. Dice di ispirarsi alle stampe, interesse ereditato dal nonno, ma anche alla letteratura, agli stimoli visivi provenienti dalla strada: pezzi di vita differenti che si uniscono creando quella che lui stesso definisce “la mia arte”.

Spostando l’attenzione sulla collezione donna Spring-Summer 2012 si riconosce nell’immediato questa ispirazione pluridimensionale e pluritemporale in un utilizzo di tessuti fortemente diversi tra loro, un mix che si scontra tra stili e ideologie quasi opposte creando qualcosa di armonico ed estremamente d’avanguardia. Analizzando qualche abito nel particolare, il vestito blu scuro di cotone con apertura sul davanti, in parte rivestito da un soprabito aperto sbracciato, con una trama moderna e chiara nella parte superiore e cuoio scuro lavorato in quella inferiore che si apre delicatamente come fosse una gonna a pieghe ampie, rappresenta un esempio perfetto di quanto detto precedentemente.

Decorazioni dalla forma circolare ricoprono invece il semplice vestito bianco e nero la cui gonna presenta taglio irregolare, rimembrando motivi anni ‘60 in chiave moderna. Il completo a righe blu chiaro, con contorni neri che definiscono la maglia a maniche lunghe, è di grande rimando al guardaroba maschile, come lo è quello a righe rosa, impreziosito da colletto, cintura e cuciture stringate che limitano la femminilità del tono stesso imponendo forza e sicurezza. Il motivo paisley è abbinato a pantaloni sobri lunghi e canotta con frange, di una semplicità ed eleganza incredibile, notevole anche la versione con stampa indiana. Patchwork di colori e tessuti per l’abito asimmetrico composto da tessuti metallici e splendenti sui toni freddi del verde e del grigio. Una scelta diversa per ogni capo, aldilà del quale c’è un intero universo di simbologia.

Attualmente Anderson sta lavorando per lanciare una capsule collection di calzature per lo store online Asos, si sta inoltre guadagnando l’attenzione di buyer internazionali come Liberty, Harolds, Corso Como 10, Colette e Open Ceremony.
Tenetevi aggiornati sul sito ufficiale www.j-w-anderson.co.uk.