Henrik Vibskov, Fashion Leggenda

Parlare di Henrik Vibskov è complesso, come lo è la sua creatività: poliedrica, ispirata e invasiva. Laureatosi nel 2000 alla Central St. Martins di Londra, Henrik si immerge immediatamente nel suo universo fatto ad arte, raccogliendo i consensi del mondo artistico e diventando subito una leggenda.

A partire dal 2003, le sue collezioni sfilano d’obbligo alla Paris Men’s Fashion Week come unico designer scandinavo; a seguire, arrivano le sue attesissime partecipazioni ad eventi di stile tra i quali lo Swiss Textile Awards, il Japan Expo, il Lung Art Iceland Festival – per citarne alcuni – consolidando la sua consapevolezza come designer. Stilista per uomo ai suoi esordi, qualche anno più tardi trova spazio per la moda al femminile con l’aiuto della sua compagna universitaria Maja Brix. Le sue creazioni attirano l’attenzione di star come M.I.A, Devendra Banhart, Bjork, Kanye West, Sigur Rós e molti altri.

Henrik, da sempre impegnato nell’arte come nella moda, rimane discreto e disinteressato ai clamori glamour da copertine patinate, ma resta difficile passare inosservati se si ha un curriculum di tutto rispetto che vanta una certa genialità in campo stilistico, artistico e musicale e un cospicuo numero di premi vinti, tra cui il Beck’s Student Future Prize nel 2000, il Danish Design Council Award nel 2007 e il Præmieringen da parte del Dansh Arts Foundation nel 2009.

Non è tutto. Visionario, eclettico, talentuoso e sperimentale, con una sensibilità accentuata e multiforme, Henrik spazia nel contemporaneo universo creativo, dividendo il suo genio e la sua passione tra i pregiati tessuti dei suoi abiti, tra i suoni elettronici della sua musica e le raffigurazioni estreme dei suoi elaborati scatti.

Finalizzato il suo composito lavoro stagionale di stilista, infatti, Vibskov diventa girovago batterista elettronico per la band Trentemøller ed espone le sue vivide e paranoiche composizioni fotografiche al MoMa di New York, al Palais de Tokyo a Parigi e allo Zeeuws Museum di Middelburg, Olanda. La sua arte è così forte e compiuta da renderlo unico nel suo genere.

La collezione menswear FW2011 non smentisce la qualità e la ricercatezza del conceptche sta dietro ogni suo lavoro, mixando elementi sportivi a pezzi eleganti dal richiamo ottocentesco. I parka sgargianti sono accostati ai leggins, le camicie classiche a giacconi over. A delineare il profilo estroso dei capi sono gli accessori: colorati, stravaganti e unici, come le scarpe stringate coperte da maglia a costine e gli ipnotici occhiali “da visita oculistica” uniti a cappelli retrò. Le sue collezioni dai richiami classici con stilismi estremi e futuristici rimangono ancora esclusive, per questo Henrik Vibskov è in vendita solo in store selezionati a New York, Tokyo, Hawaii, Mosca, Seul, Copenaghen e Oslo.

Un assaggio del suo stile, però, è disponibile nella boutique ufficiale della factory creativa di Vibskov, che contiene anche una selezione attenta dei migliori brand emergenti. Visitate www.henrikvibskovboutique.com per regalarvi un piccolo acquisto online, oppure www.henrikvibskov.com per saperne di più su questo eccezionale personaggio e sui suoi progetti.