Il classico innovativo di Paolo Errico

Paolo Errico, nato a Genova nel 1975, è un designer che vive e lavora tra Milano, Londra e Parigi. La sua carriera inizia grazie alle collaborazioni con Calvin Klein e Versace. Nel 2000 entra a far parte del gruppo Ermenegildo Zegna disegnando parte della collezione Agnona. Si laurea nel 2003 in Fashion Design ad Urbino dopodiché non solo lancia la linea di moda che prende il suo nome, ma riesce a presentare a Milano la sua prima collezione donna


Qualche anno dopo il gruppo Roberto Cavalli chiama Paolo per disegnare la linea donna. Nella sua casa/laboratorio sui Navigli a Milano, crea abiti in modo sartoriale partendo cioè dal disegno sviluppandoli poi tridimensionalmente sul manichino. Paolo Errico definisce i suoi capi come “oggetti con anima e vita propria”, geometrici e polifunzionali; specialmente quelli della collezione autunno inverno 2011/12, costituita da uno stile rigoroso.


Sono gonne, pantaloni e capi spalla che cromaticamente prediligono giallo fluo, rosso, nero e grigio scuro. L’influenza del design, dell’architettura, fotografia e dell’ambiente urbano è evidente nelle sue creazioni sebbene il designer genovese mantenga un rapporto stretto con elementi e tecniche radizionali del fare abbigliamento.


I pezzi forti dell’intera collezione sono infatti le maglie-uncinetto, veri e propri capi trasformisti, che Paolo ha riproposto prendendo spunto dalla prima collezione del 2004, ispirandosi alla forma del cerchio, del triangolo e del quadrato. Le differenti lunghezze presenti in collezione permettono di creare stili altrettanto diversificati, come gli avvolgenti cardigans in lana e cachemire, che permettono di interagire con chi li indossa.

Importanti sono le sovrapposizioni di colori, tessuti e forme che donano all’intera proposta invernale un carattere di multidimensionalità, senza togliere ai capi un’estrema e moderna eleganza. Paolo Errico è presente in Italia, in tutta Europa e America e attualmente lavora come consulente per vari marchi del lusso uomo/donna. Info: www.paoloerrico.com