Finché Moda non ci separi

Vuoi tu Cinema prendere come tua legittima sposa la qui presente Arte contemporanea?

Lo voglio.

Vuoi tu Arte Contemporanea unirti al qui presente Cinema?

Sì, lo voglio.
A celebrare il matrimonio dell’anno fu una lungimirante storica dell’arte, Silvia Lucchesi, direttore artistico di Schermo dell’Arte.

In una fascinosa Firenze, al cospetto dei grandi del Rinascimento, il cinema e l’arte si innamorarono

Era il 2008.

E da allora non si sono mai lasciati.

Qualche anno dopo, nel Novembre 2011, è arrivato un terzo incomodo.
E la coppia scoppia.
Bella e temibile, fragile, ma combattiva: Ilaria Nistri fa la sua comparsa nel capoluogo toscano.

Giovane stilista emergente, Ilaria Nistri ha venduto la sua anima alla moda nel 2006 nella romantica Parigi.

Se potessimo fermare in un istante le sfilate delle sue creazioni saremmo al cospetto di un’opera d’arte meravigliosa.

L’Arte contemporanea e la Moda si incontrano.

Di nuovo.

Ilaria Nistri è cuoio e metallo.

Ma è anche seta.

È una giovane ragazza guerriero che lotta nel mondo per proteggere se stessa da una fragilità che teme.

Ilaria Nistri è donna.

È la donna del nostro tempo.

La sua Moda gotica ha sedotto il Cinema.

Ed all’Odeon di Firenze, sede del Festival cinematografico più ambizioso d’Italia, l’amante si siede in poltrona.

Anche quest’anno in occasione della rassegna “50 giorni di cinema internazionale a Firenze”, organizzata da Mediateca Regionale Toscana Film Commission, ha avuto luogo il Festival Schermo dell’Arte made in Silvia Lucchesi.

Oggi, Giovedì 24 novembre,  parteciperete ad una sfilata non convenzionale.

Ilaria Nistri riproporrà l’anteprima del suo film: AMYGDULE.

Una colonna sonora degna del miglior kolossal hollywoodiano ad opera di Teresa Jevaux ambienta la perfetta regia di Almagreal (Giulia Reali e Massimo Alvito). La direzione artistica della stilista e di Alice Morelli fanno dell’affascinante Michelle Den Hollander una splendida scultura vivente.

L’arte, come eterna, non dovrebbe avere età. Ma il guaio è che poi, come donna, ama la moda.