L’atmosfera un po’ magica di Katherine Squier

Katherine Squier ha 23 anni, vive ad Austin in Texas ed è una psicologa/fotografa.
È stato molto piacevole conversare con lei: connessioni magiche che talvolta si vengono a creare anche tra persone che non si conoscono.
Le sue fotografie ci hanno fatto venire voglia di partire: per il Texas e non solo.

Ti puoi presentare?
Sono nata, insieme a mia sorella il 23 giugno del 1988 ad Austin, Texas.
L’anno scorso mi sono laureata in psicologia. Non so ancora cosa voglio fare nella mia vita ma tento di vivere con consapevolezza. La fotografia mi permette di catturare i momenti che mi ispirano di più. Ho iniziato a fotografare meno di quattro anni fa. La maggior parte delle mie fotografie rappresentano il modo in cui vivo.
Che tipo di macchina fotografica usi?
Uso diverse 35mm. Per la maggior parte dei miei lavori ho usato una Yashica T4, da poco ho comprato una Contax T3 che sto usando da tre mesi, ma ieri mattina si è rotta. Era abbastanza costosa! Vedrò cosa comprare prossimamente.

Analogico o digitale?
Analogico.
Il digitale non è terribile, ma a meno che tu non possegga una digitale molto costosa, non regge il paragone con la pellicola.
Soprattutto credo che le sensazioni che ti danno le fotografie in pellicola siano migliori. Oltre all’aspetto estetico c’è qualcosa di molto più soddisfacente e reale nel poter tenere in mano una fotografia rispetto ad un’immagine fatta di tanti pixel.

Come descriveresti il tuo stile?
Continuo a cercare di capire qual è il mio stile. Non ne seguo mai uno in particolare, scatto quando sento che è il momento giusto.
Dalle reazioni degli altri sto iniziando a realizzare come vengono interpretate le mie fotografie.
Spesso sento dire che i miei scatti hanno una certa aria, atmosfera, talvolta un po’ magica per il modo in cui catturo la luce.

Cosa ti ispira?
La vita, le persone, le emozioni, la nostalgia, la luce, i colori e la delicatezza.
Il mondo nei tuoi scatti è?
Bellissimo. Pieno di cose da apprezzare.
C’è un soggetto (una persona o altro) che speri di fotografare un giorno?
Non sono sicura di una persona in particolare, non ci ho mai pensato.
Sono una fan di Bon Iver, negli ultimi anni sono stata estremamente ispirata dalla musica. Sarebbe un sogno essere vicina a Justin Vernon per poterlo ritrarre nei suoi momenti più veri.

Ti ispiri a qualche fotografo in particolare?
No, anche se conosco alcuni fotografi famosi che ammiro molto. Non seguo e non cerco di emulare nessuno, se lo facessi il mio lavoro perderebbe di naturalezza.
Un desiderio?
Vivere con un fervore senza fine.
Ci puoi suggerire il nome di un fotografo di talento che hai scoperto?
Non credo di aver scoperto nessuno. Da Flickr ne ho visti moltissimi che valgono e sceglierne uno non avrebbe senso.
Mi piace e ispira sempre Debora Mittelstaedt.

Il suo sito www.katherinesquier.com