Il raffinato gusto estetico di Maria Kazvan

Maria Kazvan  nasce l’8 Ottovre del 1989 a Lviv, in Ucraina. Studia giornalismo ed è al suo ultimo anno di università.
La sua fotografia porta con sé una forte carica emotiva ed un gusto estetico raffinato.

Che  mondo osservi attraverso la tua macchina fotografica?
Veramente osservo il mondo solo attraverso la mia macchina fotografica. Tutto il mondo, la vita attraverso le lenti.
Analogico o digitale?
Non penso che vi sia una differenza.  Dipende per quanto tempo fotografi e quanto ti piace farlo. Uso le pellicole perché non avevo denaro quando ho comprato la mia prima macchina fotografica. In pratica non so usare Photoshop, trovo più semplice gestire i colori con le pellicole.

Cosa ti ispira?
Fotografare in sè, i vecchi fotografi di moda, i film, i libri, la musica, tutto ciò che ispira anche le altre persone.
Un fotografo che stimi particolarmente?
Richard Avedon, Arthur Elgort, Neil Kirk, Bruce Weber.

 Un libro, una canzone, un film.
Oliver Sacks, The Man Who Mistook His Wife for a Hat.
The Vines – Give Up, Give Out, Give In.
The Man Who Wasn’t There, 2001.

Cosa fai quando non fotografi?
Mi ispiro con quello di cui ti ho parlato, aiutando mia mamma, studiando, studio giornalismo.

Altre foto le trovate sul suo Flickr.