Padova Vintage Festival 2011: the revolution

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma, così emerge dallo slogan di propaganda medio-mediatica in corso a Padova in questi giorni. Il motivo? Il Padova Vintage Festival, acclamato già alla sua seconda edizione. La moda come filo conduttore di un’estetica rivolta al passato, per apprendere le nozioni che permettono di modificare il futuro. Le basi per creare un proprio stile, le istruzioni per mantenerlo saldo contro le tempeste delle stagioni da passerella: questo il dictat patavino. Non solo moda, in quest’edizione trovano spazio anche una mostra d’arte dedicata al terrorismo degli anni di piombo in una Padova che non riusciva a vedere la luce filtrata, a cura di Bruno Lorini e Roberta Iachini. Gli artisti contemporanei che si susseguiranno rispondono al nome di Gea Casolaro, Augusto Morandi, Luca Clabot, Antonio Guiotto e Carmen Cano.

Arte e moda in uno spazio, quello del Centro S.Gaetano, che ospiterà anche un omaggio agli anni ’50/’90 in un tripudio di abiti selezionatissimi e d’autore. Presente anche la sezione filmica, con una rassegna di cortometraggi selezionati dall’archivio Mecal- Festival Internazionale di Cortometraggi di Barcellona. Workshop resta comunque la parola d’ordine. Ogni giornata del Festival prevede infatti una serie di appuntamenti per approfondire attivamente le proprie conoscenze mediante esperienze sul campo. Dal servizio fotografico alla ricerca delle tendenze, dalla musica all’arte il tutto guidato da ospiti quali Maria Luisa Frisa, direttrice del corso di laurea in Design della Moda (Iuav), fashion curator della Fondazione Pitti Immagine Discovery a Firenze e direttrice per Marsilio Editori della Collana Mode dedicata alle idee e alle figure della moda, Irene Pollini Giolai, Joe Velluto, Isabel Wolff, Alessio Bertallot, Daniele Ongaro e molti altri.

Gli appuntamenti diurni sono tassativi, come del resto quelli notturni: in programma tre serate a cui non mancare, tra cui una frizzante performance delle Sisters direttamente dal Chiambretti Night. Musica ripescata dalle orme del passato, apprezzata, reinventata, omaggiata. Il fashion dilaga e resta il collante preferito da ogni esteta poliedrico.

Save the date: 9-10-11 settembre, S.Gaetano, via Altinate 71, Padova. Vietato pensare in bianco e nero. www.vintagefestival.org