Pelle: l’eco-moda al femminile

A Palazzo Eccheli Baisi, a Brentonico, il 6 agosto é stata inaugurata PELLE, mostra itinerante di opere in feltro, curata dall’artista Agostina Zwilling.

L’idea per questa mostra nasce dalla volontà di trasmettere nuovi modi di interpretare la moda in chiave eco, di sperimentare e ricercare le molteplici possibilità espressive del feltro, il tessuto-non tessuto per eccellenza, apparentemente povero eppure estremamente prezioso ed adattabile.

L’esposizione, alla sua prima edizione, promossa dalla Italian Felt Academy (di cui Agostina é creatrice) assume anche forma di laboratorio permanente per permettere agli studenti dell’Academy e delle università ad indirizzo Fashion e Design del territorio italiano, di ricercare e sviluppare nuovi linguaggi creativi, basati sul concetto di eco sostenibilità.

Il desiderio, spiega Agostina, é quello di analizzare il ruolo del feltro come frontiera naturale tra moda e sostenibilità, nella dichiarata volontà di tracciare la nuova strada da intraprendere per l’industria del fashion e del disegno tessile.

Alla base della ricerca portata avanti da Agostina il rapporto tra l’abito, inteso come secondo corpo, e il suo estendersi nello spazio attraverso l’utilizzo di materiali naturali e organici.
Invitate a dar vita al nuovo “Tessuto Innovativo”, composto di lana organica e fibre naturali, otto artiste provenienti da tre Paesi, Francia,Austria e Italia.Petra Bachmann, Gudrun Bartenberger, Catherine Bernel, Laura Cortinovis, Gioia Danielis, Daniela De Carlo, Laura Fiorio, Sabrina Vonbrül Bollhalder. Dalla creatività di queste artiste sono nati abiti-scultura, ognuno dei quali è stato disegnato, tessuto e forgiato interamente a mano.

PELLE diventa anche occasione di dibattito in merito alla crisi che ha intaccato anche il settore moda, rendendo necessaria la ricerca di nuove strade percorribili tra cui, secondo Agostina, quella di un’autentica sostenibilità nella produzione e di una reinterpretazione e rivalutazione di quello che é considerato il primo tessuto prodotto dall’uomo.

La mostra rimarrà disponibile alla visione fino al 31 agosto. Fortunatamente non sarà il solo evento programmato quest’anno, da ottobre in avanti sono in calendario numerosi laboratori per gli amanti del feltro tutti organizzati a Verona, presso il Centro Carraro.

Per informazioni: www.italianfeltacademy.it