Wearing shoes: United Nude

Scarpe, da sempre passione innata di ogni donna, accessorio irrinunciabile e fondamentale in ogni guardaroba femminile. Chi non sogna di avere un immenso armadio pieno di scarpe, di ogni forma e colore, come quelli visti sul celebre telefilm Sex & the City?
Ogni donna prova un istinto naturale d’ attrazione verso le scarpe, che non sono mai abbastanza per frenare questa piacevole ossessione. Le scarpe, per il gentil sesso, non rappresentano semplicemente uno strumento funzionale per camminare ma sono uno status symbol, un’espressione della propria personalità o del proprio stile. Grazie ad un paio di scarpe una donna può sentirsi più affascinante e sensuale, dolce e romantica, comunicando attraverso questo accessorio il proprio stato d’animo ed il proprio umore al mondo esterno.

La donna, creatura super complicata e contradditoria,  per esprimersi ha bisogno di un marchio che rappressenta i suoi innumerevoli mondi. United Nude è il brand adatto allo scopo. Fondato dallo architetto Rem D Koolhaas e Galahad Clark, artigiano di calzature con una grande tradizione familiare alle spalle.  Il concetto base del marchio è concepire la scarpa come vera forma d’arte, dove design e architettura s’incontrano con l’obiettivo di creare e re-interpretare forme concettuali e archetipi del mondo classico.

Per la stagione ss 2011, il marchio inglese ha ideato una ricchissima linea di scarpe dallo stile contemporaneo e accattivante. Un mix and match di street art e arte classica con rimandi ai graffiti, al mondo digitale e alle sculture elleniche. Ogni modello proposto ha diverse varianti cromatiche e in diverse altezze. Si parte dal tacco alto per finire al rasoterra, ideale per soddisfare i gusti e le esigenze di tutte. Lea linea Möbius è tra le più classiche e lineari, caratterizzata da un design semplice ma ricercato. Le Eamz sono hanno un tacco fatto a gancio che crea un effetto ottico molto curioso e un’immagine eccentrica e futuristica.

Loop è fatta da sandali che fasciano il piede, dove anche in questo caso troviamo un insolito modo di concepire il tacco. Ruby Beep Toe e Rock Ballet sono invece linee fatte solo ed esclusivamente da ballerine, anche qui troviamo tanti bei colori vivaci e uno stile minimale.

Block è composta da diverse linee di caratterizzate da un tacco che sembra slittare autonomamente dal resto della scarpa. Stealth è costituita da varie linee con zeppe vertiginose e vivaci che fasciano il piede.

Le linee Cup giocano tutto sui contrasti tonali, dove ogni modello viene proposto in due o più colori in forte contrasto crando disegni geometrici definiti. Cosmo e Frame sono scarpe sandalo dal design scultoreo con tacco vertiginoso, dove incroci e intrecci lineari definiscono lo stile di questi modelli.

Fold è una linea di stivaletti bassi che richiamano molto gli anni ’80 nel design. Elastic Sandals è fatta di sandali rasoterra e altri con tacco a fasciature elasticizzate. Elastic Peep è la versione elasticizzata di scarpe più classiche nel design ma sempre con una cura cromatica molto definita.

Graffiti è una linea di scarpe con tacco ispirata proprio all’omonima forma d’arte e allo street style, mentre Lo Res è fatta da modelli con cinturino e tacco che sembrano essere usciti da un videogioco del passato.

Mono racchiude linee di zeppe e ballerine dal design essenziale con una proposta di colori sgargianti e fluo, mentre Coral è fatta di ballerine con particolari aperture ai lati che svelano parte del piede. Infine abbiamo Label Shoes, una linea di scarpe con tacco decorata con insolite scritte e applicazioni. United Nude si interessa anche del mondo maschile aggiungendo una nuova linea chiamata Hollow, una  combinazione  di  eleganza e  ultra modernità reda  grazie all’ uso della fibra di carbonio nella struttura della calzatura.

Come avete notato la lista è lunghissima e i modelli sono davvero tanti ma il lavoro dei due designer non finisce qui. Recentemente il duo di United Nude ha collaborato con un’artista del fashion system, Iris Van Herpen, realizzando per la stilista le calzature dell’ultima collezione estiva 2011. In passato hanno invece unito le forze con Antoine Peters e K-SWISS. Architettura e calzatura un binomio sempre eccellente.