Il piacere delle piccole cose

A volte capita di andare ad esposizioni o visitare case di persone particolarmente creative e pensare guarda che stile, chissà come avranno fatto e quanto gli sarà costato.

Poi un bel giorno si vede il magico mondo della semplicità e ci si accorge che spesso per avere qualcosa di originale e d’effetto non ci vuole nulla di più di un barattolo di vernice.

I magneti sono una tentazione, alcuni irresistibili. Si finisce per girare la casa alla ricerca di una superficie dove applicarli per poi rassegnarsi e metterli nel cassetto, a meno che non usiate una vernice magnetica.

Alcune gallerie d’arte fotografiche le stanno già utilizzano per le esposizioni: rapidità ed effetto sono abbinati al vantaggio di non rovinare la foto e a costi decisamente contenuti. La fantasia poi si può sbizzarrire in mille altri modi e trovare utilizzi diversi.

Se il costo di queste vernici vi sembra troppo alto per il vostro budget, potete sempre provare ad abbinare della vernice base con della polvere di ferro fine (si trova anche in internet), per un risultato molto simile.

Crescendo restiamo tutti un po’ bambini e grafomani e la voglia di pasticciare sui muri è lì latente che ci chiama. Adesso si può avere un’intera parete lavagna grazie alla vernice lavagna. Sorella della vernice magnetica crea una superficie su cui è possibile scrivere e cancellare.

Quale migliore idea poi di abbinare le due vernici. Così si ottiene una parte dove, per esempio, attaccare le foto e accanto con il gesso scrivere commenti o frasi suggestive creando in casa un’installazione che non ha quasi nulla da invidiare alle gallerie d’arte.