The History of American Graffiti

History of American Graffiti non è il solito libro sui graffiti, un copia-incolla di fotografie. E’ la storia “definitiva” della nascita del movimento in America. Una vera e propria analisi dell’evoluzione di tale forma d’arte, dai suoi primi giorni sui treno merci fino al boom di scritte per le strade di New York e tante altre realtà sparse nel mondo.

Redatto da Roger Gastman, co-curatore del eMoCa “Art in the streets” e co-editore di Swindle Magazine, e Caleb Neelon, History of American Graffiti ripercorre i momenti chiave, i luoghi, gli artisti di un’arte molto americana, in modo dettagliato e chiaro verso il lettore, attraverso più di 400 pagine, fotografie, interviste, profili più o meno importanti dei protagonisti del graffito.

L’ambizioso volume inizia con l’affermazione secondo cui gli umani sono naturalmente portati a scrivere graffiti; ne sugue un vasto archivio di espressioni visive, emerse, volta per volta, in gran parte del mondo.

Ciascuna regione, ciascun paese o città ha contribuito alla complessiva estetica del graffito, mettendo in risalto somiglianze e differenze negli stili regionali.

Un esempio è lo slogan “Kilroy was here”, assai popolare in America, ma in Inghilterra è chiamato Mr. Chad, mentre in Australia lo stesso buffo personaggio è un uomo calvo che fa capolino, accompagnato dalla frase “Foo was here”.

History of Amercan Graffiti è disponibile su Amazon, in pre-ordine.