Dall’Etiopia a Star Wars: Arzu Kaprol

En

Cuscinetto tra Europa e Medio Oriente, per antonomasia luogo d’incontro di culture divergenti, di fusioni e contaminazioni la Turchia sforna da sempre creativi di alto livello contraddistinti da una visione anacronistica. In questa nazione così particolare nasce Arzu Kaprol, classe 1974, eclettica designer che opera una sapiente fusione tra arte e moda prendendo ispirazione da elementi e tradizioni sempre differenti.

Diplomatasi alla facoltà di Fashion and Clothing dell’ Università Mimar Sinan, completati gli studi a Parigi presso l’Accademia Americana e vincitrice di diversi riconoscimenti Arzu Kaprol fonda il brand omonimo nel 1998.

Dopo aver lavorato su uno sviluppo interno alla nazione di nascita, comincia presto a progettare l’espansione all’estero prendendo come luogo di riferimento Parigi. Proprio qui quest’anno a Settembre è stato organizzato il debutto internazionale effettuato attraverso una presentazione a metà strada tra l’installazione artistica e la sfilata, grazie alla collaborazione con Thierry Dreyfus. Il guru del light design, Dreyfuss, ha presentato il suo primo cortometraggio ispirato al mondo creativo di Kaprol e alla sua città: Istanbul.

I modelli creati da Arzu Kaprol lavorano sul contrasto tra silhouettes aderenti e dettagli grafici che raccontano il punto di partenza della collezione, chiamata “Re-Fine”: le pitture corporali tipiche della tribù Mursi, popolazione che abita la zona sud dell’Etiopia che, in questo contesto diventano dei motivi grafici contemporanei. La seta, la pelle assieme a materiali inusuali come il lattice e i fili di cellophane per la maglieria caratterizzano queste creazioni dando nuovo respiro alle grafie dalla profonda tradizione.

Anche le sculture di Brig Laugier hanno ispirato Arzu dal punto di vista dei volumi; infatti sono presenti abiti con volumi molto solidi che, grazie al gioco tra tessuti e dettagli, richiamano alla mente un’atmosfera futuristica – un pò alla Guerre Stellari per intenderci. La collezione “Re-Fine” è la visione della designer turca per l’estate 2011 dove, legati ai rimandi appena descritti, trovano spazio abiti con zone multistrato, quasi di carta, body e leggings aderentissimi,abiti e giacche con luminosità argentee che sembrano costumi di scena per un film di fantascienza.

I contrasti sono i padroni indiscussi in questa collezione di debutto internazionale, dove Arzu Kaprol ci racconta come la fusione di elementi ispiratori così diversi possono dar vita ad una proposta di alta moda e, allo stesso tempo, anche di grande arte, non solo figurativamente ma anche artigianalmente parlando.