Salvador Dalì. Il sogno si avvicina

Sono passati più di cinquanta anni dall’ultima volta di Dalì a Milano (era il 1954), e ad undici anni della sua scomparsa il pittore, scultore, scrittore e cineasta tra i più rilevanti del secolo passato, ritorna.
L’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano presenta a Palazzo Reale infatti, dal 22 settembre 2010 al 30 gennaio 2011, Salvador Dalí. Il sogno si avvicina (a cura di Vincenzo Trione).
La mostra, promossa dal Comune di Milano-Cultura e prodotta da Palazzo Reale con 24 ORE Cultura – GRUPPO 24 ORE in collaborazione con Unipol Gruppo Finanziario e con il sostegno dell’Ente del Turismo Spagnolo in Italia, presenta oltre 50 opere di Salvador Dalí, che indagano in modo approfondito il rapporto tra pittura e paesaggio.

L’esposizione è resa possibile grazie alla straordinaria collaborazione della Fondazione Gala-Salvador Dalí di Figueras e si avvarrà di importanti prestiti provenienti da musei nazionali e internazionali quali la Fondazione stessa, il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia di Madrid, il Dalí Museum di St.Petersburg in Florida, il Boijmans Museum di Rotterdam, l’Animation Research Library dei Walt Disney Animation Studios di Burbank in California, la Peggy Guggenheim Collection di Venezia, il Mart di Rovereto e i Musei Vaticani.

La mostra intende approfondire il rapporto tra l’artista spagnolo e il tema del paesaggio. Si tratta di un aspetto poco conosciuto dal grande pubblico, che offre inattesi spunti di riflessione in merito al legame di Dalí con la pittura rinascimentale italiana, il surrealismo e la metafisica, in un processo che, secondo il curatore Vincenzo Trione, porta il pittore dal caos dell’inconscio al silenzio. Quadri che vogliono documentare un altro Dalì: mistico, religioso, spirituale.

Maggiori informazioni al sito www.mostradali.it