Dojo Clothing: urbanwear di provincia

Dojo Clothing è un giovane brand specializzato nello urbanwear per uomo, nato a Imola, una piccola cittadina della provincia bolognese da tre ragazzi: Arash, Bando e Anna. I lookbook divertenti sono ambientati in questa città e i modelli sono ragazzi del posto, amici dei fondatori di Dojo. Un concetto urban in una cittadina di provincia, un contrasto interessante da cui nasce una collezione divertente di t-shirts, jeans morbidi, felpe e camicie dalle stampe colorate e molto curate dal punto di vista grafico. Il risultato è un brand in crescita, promettente e volenteroso che ricerca l’ispirazione nel mondo dell’arte di strada, che promuove attraverso interessanti collaborazioni.

dojo clothing

Abbiamo incontrato una delle menti a capo di Dojo, Arash Haddadi e gli abbiamo posto alcune domande cercando di capire di più su questo nuovo progetto:

Come nasce DOJO? Raccontaci l’idea che ha portato alla sua nascita.
DOJO nasce da un incontro casuale tra me (Arash), Anna e Bando, veniamo tutti e tre da luoghi differenti e ci siamo ritrovati a vivere nello stesso quartiere in una cittadina della provincia Italiana, un po tipo sliding doors… come sarebbe andata se nn ci fossimo incontrati?
Un aneddoto correlato alla nascita di DOJO ( se c’é)?
Ce ne sarebbero tanti da raccontare, ma forse il più interessante fu un viaggio in Pakistan alla ricerca del nostro attuale supplier..ma è una storia lunga.
Chi fa DOJO?
Arash, Anna e Bando , ognuno ha il proprio ruolo, io mi occupo della parte commerciale mentre Anna e Bando lavorano sulla comunicazione e la creazione delle collezioni, inoltre intorno al marchio gravitano varie persone che collaborano con noi, come il buon Frank Ercolini che è diventato il nostro fotografo di fiducia.
Illustraci la mission di DOJO?
Beh, direi che la mission che ci interessa di più è creare qualcosa di interessante che ci permetta di conoscere sempre nuove persone e realtà… poi ovviamente conquistare il mondo!

dojo clothing

Com’è dar vita ad un brand di urbanwear in una cittadina come Imola?
Direi che DOJO è una diretta conseguenza del ritrovarsi in una cittadina di provincia, diciamo che è un po una reazione alla vita tranquilla di Imola, ovviamente nn è facile ma sicuramente molto stimolante.
Quali sono le difficoltà che avete incontrato nel vostro cammino fino ad oggi?
Quante pagine ho a disposizione? Comunque le difficoltà sono diverse, ma la sfida interessante è proprio quella di superarle.
Ad oggi fate solo uomo, pensate in futuro di fare anche una linea woman?
Per il momento facciamo il total look maschile, che è abbastanza impegnativo, ma chissà forse un giorno penseremo anche a tutte le nostre fans.

dojo clothing

All’interno del vostro sito www.dojoclthng.com c’è uno spazio chiamato “Network” che presenta alcuni creativi. Come l’arte influenza DOJO?
Come dicevo prima, ci sono tante persone,artisti e musicisti che collaborano con DOJO, direi che l’arte è il concept del nostro brand, ci piace sempre conoscere e ingaggiare nuovi artisti e collaborare gomito a gomito con loro, nn abbiamo particolari preconcetti e siamo aperti a varie influenze e stili, questo ci porta ad avere sempre nuovi stimoli e idee.
Vi state preparando per il Bread&Butter di Luglio a Berlino, cosa pensate di questa fiera streetwear?
Il B&B è sicuramente una bella occasione per vedere cosa bolle in pentola, è sempre interessante spulciare nelle varie collezioni e scoprire nuovi brands.
DOJO è un brand che sta crescendo, sono i sogni per il futuro?
Dojo sta crescendo bene e ne siamo orgogliosi e fieri, per noi l’importante è riuscire a fare quello che ci piace ed essere apprezzati per il nostro stile, dietro ogni grafica, collaborazione o idea c’è tutto il nostro essere, quello che proponiamo è quello che siamo senza compromessi commerciali.

Dalle parole di Arash emerge da subito la voglia di fare che caratterizza questo brand che vuole emergere e farsi conoscere anche, e soprattutto, grazie a un lavoro di ricerca basato anche sull’arte e sui creativi. Mossa davvero intelligente dato che c’è sempre bisogno di nuovi stimoli creativi per un brand di urbanwear che punta molto sulle stampe e sulle grafiche, oltre che sulla comodità e sulla qualità del prodotto.
A questo proposito ci sembra interessante comunicarvi che da pochi giorni Dojo ha indetto un contest in cui si esorta, chiunque ne abbia voglia e disponga di nuove idee, a creare una t-shirt. Le magliette che avranno più successo verranno poi esaminate dalla direzione artistica di Dojo Clothing che determinerà 3 vincitori che avranno la possibilità di spartirsi i tre premi in palio che sono: due shirts per il terzo posto; un jeans, una felpa, una maglietta e una giacca per il secondo e per il primo posto un’intera collezione Dojo. Le istruzioni per partecipare si trovano sulle pagine Dojo di Facebook e MySpace.
Affrettatevi, perchè il contest termina il 13 Luglio, e buona fortuna!
Il loro sito? Eccolo www.dojoclthng.com