L’arte? Non metterla da parte

E dire che solo qualche mese fa il viziato mercato d’arte sembrava aver spostato le proprie attenzioni verso la millenaria tradizione cinese e ora, carico d’orgoglio a stelle e strisce, torna a rendere gloria all’uomo che ha declinato la cultura pop occidentale.

Andy Warhol si conferma uno degli artisti più quotati: una sua opera è stata recentemente acquistata alla cifra record di 32 milioni di dollari durante l’ultima asta d’arte contemporanea da Sotheby’s. La folle cifra è stata sborsata per un celeberrimo autoritratto del 1986, il famoso faccione scapigliato che indubbiamente farà la sua figura nel living del soddisfatto acquirente.

A seguire Warhol ci ha pensato il pittore statunitense Mark Rothko, defunto nel ’70, con l’opera Untitled del 1961 a metà strada tra l’espressionismo e il minimalismo, aggiudicato per 31 milioni di dollari.

Ottimi i risultati anche per scultori come Flavin, Koons, in risalita dopo la crisi del 2009, e l’ormai affermatissimo Kapoor.

Maurizio_Cattelan_Untitled

Spiazza tutti il giovane, neanche tanto, talento tutto italiano Maurizio Cattelan, nuovo protagonista della scena contemporanea mondiale, che con l’opera Untitled (la fantasia non ha limiti), una sua caricatura installata in una buca davvero poco rassicurante, raggiunge la somma di 8 milioni di dollari.