Graffio

cool hunting news fashion happy pork

Il bello è sempre bizzarro, sosteneva Baudelaire, in anni oramai scaduti. Voleva essere una semplice ironia sarcastica o uno stimolante in confezione soft per soggetti apatici?
Ipotizziamo lo zoom nella moda. Oggi il leitmotiv in questo campo è quello di esagerare. Oltre ad indossarla, la moda deve diventare una sensazione, in cui l’incontro di stili opposti crea l’assurdo, che è in se per se bello, ed è proprio così che l’esagerazione ci rende felici. Domani più di oggi.
Eliminiamo il classico e tendiamo all’underground, con sfumature forti e arroganti, mischiamo più stili, magari rock e punk e prendiamoci cura di giacche oversize abbinate a morbidi vestiti in lana accarezzati da calze di svariati modelli, come ad esempio in lattice maculato, rosa, arancio, giallo, azzurro e alziamo il tutto con dècolletès irraggiungibili. Non tralasciamo la maxiborsa egocentrica completandola con semplici anelli in metallo uniti al bracciale cn tanto di borchia.
Definiamolo stile o magari è solamente quel diktak che bisogna completare per entrare senza visto d’ingresso in questa jungla metropolitana e non uscirne più. Ammorbidiamo l’immagine con trucchi maestosi, più i colori sono scuri, più ci sentiremo meno deboli. Diventiamo fanatici ed alimentiamo il nostro ego. Se qualcuno ci aveva consigliato che il bello è sempre bizzarro e la mania del perfezionismo è impossibile, torturiamoci e tendiamo all’assurdo.
Buon viaggio.